Blog

Comunicato Stampa evento Sabato 25 gennaio 2020 – ore 15 – Caffé Sociale



Mantova è una bella città, una realtà di provincia ricca e moderna.Al tempo stesso è una città che ha tantissime potenzialità spesso inespresse, un po’ sonnacchiosa e spesso adagiata sul suo passato, invece che lanciata verso il suo futuro. Questo si ripercuote sulla sua economia, sulla sua capacità di innovare, ma soprattutto sulla sua capacità di attrarre giovani e imprese.

Il suo passato industriale ha forse assopito quella capacità imprenditoriale e quello spirito di iniziativa tipico di un popolo che invece negli ultimi decenni pare più attento ai rimpianti che desideroso di costruire nuove opportunità.Mantova Viva nasce da una mia idea: cercare di trovare soluzioni concrete e fattibili al futuro di questa città.Nasce per essere uno stimolo civico per chi si candida ad amministrare Mantova nei prossimi anni.Nasce dalla consapevolezza che gestire una città oggi è molto più difficile che in passato.Un sindaco non deve avere solo competenze amministrative. Un sindaco ed una giunta devono dare un indirizzo, avere visione, immaginare la città del futuro. Per fare ciò devono avere la forza e le competenze, oltre che il coraggio, di affrontare le grandi sfide che ogni città si troverà davanti nei prossimi anni:

  1. La sfida del lavoro. Una popolazione in continuo invecchiamento, la tecnologia sempre più importante e pervasiva sono solo due degli aspetti che richiedono un’attenta riflessione. Creare lavoro non è compito di una giunta, ma ricreare quelle condizioni necessarie alla nascita di un tessuto imprenditoriale moderno ed innovativo si.
  2. La sfida dell’ambiente. Il riscaldamento globale da una parte ci impone una seria e attenta riflessione sul modello economico, sociale ed industriale che abbiamo costruito, dall’altra ci impone soluzioni pragmatiche, immediate, risolutive. Sarà forse la più grande sfida che l’umanità dovrà affrontare nel prossimo decennio. Ci vogliono soluzioni locali e un nuovo modello decisionale che sia più partecipato e condiviso.
  3. La sfida sociale. Con il mutamento radicale della composizione sociale del nostro Paese (età, censo, cultura, origini,….) è necessario che gli organi decisori propongano localmente soluzioni che vadano ben oltre la mera assistenza e sicurezza. È necessario ripensare totalmente al welfare, agli schemi di convivenza civile, ai ruoli stessi che ognuno di noi può e deve assumere nella società. Maggiore coesione, maggiore ripartizione dei compiti e delle responsabilità, maggiore democrazia distribuita, maggiore attenzione alle esigenze locali ed al tempo stesso capacità di comprendere le mutazioni globali.
  4. La sfida dell’economia. I modelli economici sono in forte mutamento a livello globale. Pochi ricchi riescono a gestire patrimoni superiori ai prodotti interni lordi di interi stati. Queste aziende globali possono condizionare l’economia dell’intero pianeta. Dobbiamo ripensare a modelli economici più sani ed attenti alle peculiarità del nostro territorio, ricco di bellezze, risorse e cultura. Su questi pilastri dobbiamo immaginare nuovi modelli per creare lavoro localmente, in maniera più sana e compatibile con il nostro modello culturale  e sociale. Dobbiamo iniziare dalle nostre città, dai nostri quartieri, dai nostri giovani.

Queste sono le sfide che, a mio avviso, dobbiamo affrontare.Queste le sfide che chi si candida a gestire la nostra città nei prossimi anni non può non affrontare.Per questo ho deciso di fondare Mantova Viva, un movimenti civico che stimoli e ponga all’attenzione della comunità i temi importanti per il futuro della nostra città, del nostro Paese e del nostro pianeta.

Come Mantova Viva abbiamo deciso di organizzare per Sabato 25 Gennaio 2020 il primo evento pubblico di confronto e riflessione. Abbiamo deciso di invitare Antonio Lazzari, un professionista che da oltre 20 anni si occupa di “portare nelle imprese e nella pubblica amministrazione strumenti di innovazione sociale ed ambientale, metodologie per costruire ecosistemi abilitanti l’innovazione”.

Vi aspettiamo quindi Sabato 25 gennaio del Foyer del Teatro Sociale di Mantova dalle ore 15.00 per dialogare con Antonio sui temi di interesse per la nostra città e per il nostro territorio con un occhio esterno di un esperto che ha fatto dell’innovazione la sua professione.L’ingresso è gratuito ed alla fine Mantova Viva avrà il piacere di offrire a tutti i partecipanti un aperitivo per poterci conoscere in maniera informale.Sergio Olivieri, fondatore Mantova Viva

Chi è Antonio Lazzari
Antonio Lazzari nasce nel profondo salento e si trasferisce a Ravenna per studiare Scienze Ambientali all’inizio degli anni ‘90. Subito dopo la laurea inizia a lavorare come consulente ambientale per varie imprese partecipando a progetti a carattere nazionale. In questi anni approfondisce il funzionamento delle aziende, scopre cosa voglia dire fare impresa in Italia e le tante difficoltà che un imprenditore affronta ogni giorno. Alla fine degli anni ‘90 decide di avviare un percorso di auto-imprenditorialità che lo porterà a partecipare alla fondazione di numerose imprese, consorzi, reti di impresa. Collabora con realtà di grandi dimensioni in progetti europei sempre sui temi della sostenibilità ambientale.Negli ultimi anni decide di dedicare il suo tempo alla consulenza pura supportando imprese e start-up nello sviluppo di progetti di innovazione. Segue ed è consulente di numerosi incubatori in tutta Italia, supporta progetti di innovazione in aziende di piccole e grandi dimensioni, approfondisce le tematiche della responsabilità sociale, ambientale, la comunicazione ed il marketing.Nel 2015 scopre e si appassiona all’Open Marketing ed alle piattaforme aperte di comunicazione. Scrive il libro “Open Marketing” la cui seconda edizione viene pubblicata anche in inglese, versione che riceve la prestigiosa prefazione di DB Hurley, uno dei guru mondiali del mondo Open Source.Oggi mette a disposizione la sua esperienza anche a vantaggio di pubbliche amministrazioni aiutandole a sviluppare ecosistemi abilitanti l’innovazione, cioè processi che permettano e facilitino la nascita di start-up o che ne aiutino lo sviluppo.




Un nuovo stato sociale emergente

Craxi che riemerge sulla scena politica come grande statista al ventennale dalla sua morte quando a suo tempo era condannato ...


Cambiano i vertici nell’editoria italiana

i de Benedetti estromessi dalla cordata Elkann e Scanavino. Parlo in virtù di un’esperienza nel tessuto sociale mantovano in ...


Se vogliamo circoscrivere il contagio dobbiamo pensare all’intelligenza artificiale

Quanto durerà il tempo del contenimento contro il Coronavirus? Inutile girarci intorno: durerà a lungo. Se non si interviene nell’...